venezia 13 febbraio 2011

venezia 13 febbraio 2011
VENEZIA 13 FEBBRAIO 2011 - (manifesto - su idea di Chiara Mangiarotti, realizzazione di Giulia Pitacco)

venerdì 24 giugno 2011

VEDIAMOCI A L'AQUILA

Uno sguardo diverso. Lo sguardo delle donne. L'Aquila: tutti l'hanno guardata, ma chi l'ha vista veramente? il Comitato "Donne terre-mutate" ha promosso un incontro nazionale a L'Aquila nei giorni 7-8 maggio 2011



le chiavi di casa
 










L'AQUILA oggi, una città totalmente disabitata, transennata, recintata. L'Aquila come Beirut

 

La chiamata  delle donne per rifondare la città ha rievocato "Il rito simbolico di fondazione alla fontana delle 99 cannelle"

 

 Le donne dell'Aquila incontrano ll Circolo della Rosa di Verona.

-" Vita da Campo - le donne scrivono "

- "LA' QUI LA' -  Vite diverse "


Riflessioni sull'incontro a L'Aquila a cura di Alessandra De Perini e Desirée Urizio

RICETTA PER UNA CITTA' DA RIFONDARE

Mai sottovalutare le donne e le loro risorse: video, manifestazioni, mobilitazioni, proposta di ricostruzione partecipata, gestione delle condizioni di vita materiali, la biblioteca delle donne e la rivista Leggendaria http://www.leggendaria.it/, http://www.laquiladonne.com/


https://docs.google.com/document/d/12sew5iD2wujds2aZ99i_S2fuaQH7YemStqsyhAh-8YE/edit?hl=it  (per approfondire clicca il link)
Saperi - Sapori


libreria mobile




riusciremo ad incontrare a Venezia queste splendide donne Aquilane???

1 commento:

  1. IO NON SO SE TUTTO CIO' SIA VERO PUO' ESSERE DI SI COME PUO' ESSERE DI NO,MA QUESTA NOTIZIA ESCE DA "IL GIORNALE" APPARTENENTE ALLA FAMIGLIA BERLUSCONI, IN COINCIDENZA CON LA COSTITUZIONE DI PARTE CIVILE IERI NEL PROCESSO RUBY,QUESTO ACCADE PERCHE' C'E' UN CONFLITTO DI INTETRESSI E PERCHE' LA STAMPA E' IN MANO A UNA PERSONA,QUESTO SI CHIAMA CONFLITTO DI INTERESSE, SERVE UNA LEGGE SERIE SUL CONFLITTO DI INTERESSI E NON UNA LEGGE COME QUELLA PRESENTATA DAL CENTROSINISTRA CHE ERA UNA LEGGE FACILMENTE AGGIRABILE,E NON SOLO BISOGNA CHIEDERE CHE LA COSTITUZIONE SIA CAMBIATA SOLO PER INIZIATIVA DAI 2/3 DEI CITTADINI ATTRAVERSO LE FIRME, E NON PER INIZIATIVA DEI PARTITI CHE VORREBBERO METTERE IN DISCUSSIONE L'INDIPENDENZA DELLA MAGISTRATURA SEPARANDO LE CARRIERE,E ABOLENDO L'OBBLIGATORIETÀ DELL'AZIONE PENALE,E ABOLENDO IL FATTO CHE LA POLIZIA GIUDIZIARIA È HA DISPOSIZIONE DELLA MAGISTRATURA E DEVE CONTINUARE AD ESSERE COSI',PERCHE’ FIN QUANDO L’INIZIATIVA DI CAMBIARE LA COSTITUZIONE PARTIRA’ DAI PARTITI C’E’ IL RISCHIO CHE LORO MODIFICANO LA COSTITUZIONE IN MODO CHE NON SI FACCIANO PIÙ INDAGINI SUI POTENTI E SU LORO STESSI CHE SONO DEI POLITICI ABBASTANZA POTENTI
    Leggete qua questo è l'indirizzo del sito: http://www.leggo.it/articolo.php?id=129340

    RispondiElimina