venezia 13 febbraio 2011

venezia 13 febbraio 2011
VENEZIA 13 FEBBRAIO 2011 - (manifesto - su idea di Chiara Mangiarotti, realizzazione di Giulia Pitacco)

domenica 27 novembre 2016

25 NOVEMBRE 2016

GIORNATA MONDIALE PER L’ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA SULLE DONNE


Da gennaio a oggi sono 105 le donne uccise. Lo stesso numero dello scorso anno.
Parliamo di FEMMINICIDIO , parliamo di donne uccise “ in quanto donne” e non per inesistenti questioni personali.
Non si possono usare parole come gelosia, raptus, follia per parlare di uomini che tolgono la vita alle mogli, compagne, amiche, fidanzate, ex mogli, ex compagne, ex fidanzate perché incapaci di accettare una loro volontà di cambiamento.
Perché il Femminicidio è la risposta ad un gesto di libertà delle donne dopo anni di violenze, soprusi, maltrattamenti dei figli o più semplicemente di fine dell’amore.
E’ una strage ‘democratica’ che attraversa tutta la società, ogni età, ogni classe sociale, ogni credo religioso, nei paesi ricchi e in quelli poveri.
Non possiamo più permettere che la vita delle donne nel nostro paese sia costantemente in pericolo.
Crediamo che sia ora che la violenza domestica degli uomini contro le donne sia trattata come una questione di Stato.
Crediamo che sia ora che gli uomini cambino perché la violenza di genere è un loro problema che diventa nostro quando la esercitano contro di noi.
POSTO OCCUPATO ogni sedia vuota parla di una donna che non c’è più per occuparla e porta il suo nome.
                                      PER NON DIMENTICARE
Senonoraquando Venezia                                                   
Con l’adesione dei commercianti di via Palazzo di Mestre 






























per vedere le altre foto clicca il link:    https://goo.gl/photos/sPbXZ9WpLMVw7MLP6

NOVEMBRE DONNA 2016

INSIEME CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

 MOSTRA "OLTRE L'OSTACOLO"
Esposizione di arte figurativa dedicata a donne e uomini che vogliono lavorare insieme per superare le barriere di genere

FEMMINISMO E’ ROBA PER MASCHI

Anche quest'anno il 25 Novembre GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE è tristemente connotata da un numero altissimo di vittime. 99  100  101 ….. Tante. Troppe. “Non una di meno “ è l’appello lanciato a livello nazionale  per le vittime di femminicidio ma anche per rivendicare diritti e libertà.
Abbiamo voluto cogliere il messaggio di  un anno fa delle donne di SENONORAQUANDO San Donà per fare di questa data un momento in cui trasmettere un’immagine della donna non solo vittima ma  protagonista della storia e divulgare i risultati raggiunti nella lunga battaglia per la realizzazione della parità di genere. L’esposizione in questi mesi è stata itinerante in altre sale della provincia e visitata da numerose scolaresche. Questo ci ha portate  a presentarla al Novembre Donna organizzato ogni anno dal Comune di Venezia e dal Centro Donna . Un momento di riflessione su alcune tappe che hanno segnato il percorso del femminismo in Italia, nella consapevolezza che alcuni ostacoli sono già stati superati ma che altri – e non pochi – sono ancora presenti. DONNE SPORT: non si può restare indifferenti di fronte alla disparità di trattamento riservata alle donne nelle diverse discipline. Ad oggi nessuna donna in Italia può svolgere la professione di sportiva ed è anche per questo che ad una certa età si trova davanti al bivio: maternità o carriera. In caso di vittoria il montepremi è quasi sempre inferiore a quello del collega maschio. La discriminazione nello sport non è diversa da quella che si riscontra negli altri settori lavorativi. Crediamo sia qui importante ricordare il contributo dato da Valeria Solesin e presentato pochi giorni fa all'Università di Ca' Foscari sul rapporto maternità-lavoro.  

RAPPRESENTAZIONE DELL’IO FEMMINILE : io è un urlo che nasce dal profondo femminile e che chiede di riconoscere  e sradicare gli stereotipi che alle donne sono stati appiccicati nei secoli. Sono stereotipi che mascherano e soffocano la vera identità che ciascuna desidererebbe fosse percepita dagli altri. Un percorso individuale che diventa azione collettiva per restituire ad ognuna la sua individualità vera.
LINGUAGGIO: operaio-operaia  contadino-contadina, niente da dire. Tutti lo accettano. Ma già in presenza di ministro-ministra casca il palco e si grida allo scandalo. Molti ostacoli sono ancora da superare e riconosciamo la tenacia della Presidente della Camera Laura Boldrini che in ogni occasione sottolinea tale importanza.
CONQUISTE DA NON PERDERE: si evidenzia quanto, al di là della tematica di genere, legalità e giustizia non siano sinonimi; prima delle leggi vigenti era legale il loro contrario ed era da molti condiviso. C’è da chiedersi: quali leggi sono ora da cambiare per essere nel giusto? Il nome di Salvatore Morelli ricamato  sulla borsa anni 70 in uno dei pannelli ricorda il deputato che nel 1875 presentò un disegno di legge, bocciato, per il diritto di voto alle donne.
FEMMINISMO E’ ROBA PER MASCHI: per gli uomini liberi, per quelli che non sono abbarbicati ai privilegi tramandati, per tutti gli uomini che vogliono un mondo migliore e che non hanno paura delle parole è tempo di dire “Io sono femminista”. Non uno di meno.
SE CAPISCO , PARTECIPO : questa riflessione resterà sterile se da qui non si uscirà con almeno una percezione, preludio della consapevolezza, che la società va costruita assieme, che i cambiamenti avvengono con la partecipazione di tutti, diversi e complementari, che costruire qualcosa non si ferma all’atto del fare ma è anche un crescere e procedere insieme.
Ringraziamo il Comune di Venezia , il Centro Donna e quanti, uomini e donne, hanno contribuito alla realizzazione di questa esposizione. Un grazie particolare alle donne di SENONORA QUANDO San Donà.
Senonoraquando Venezia



per vedere le foto clicca il link: 

2 commenti:

  1. Offerta di prestito serio e onesto della Sig.ra Marie Gourvelen all'indirizzo e-mail: mariegouv@hotmail.com o Whatsapp: +22 967 380 578 per un prestito fino a 1.000.000 euro, al 3%, contatta la sua e-mail per maggiori informazioni: mariegouv@hotmail.com o Whatsapp: +22 967 380 578 e sarai aiutato come me.
    grazie













































































    Offerta di prestito serio e onesto della Sig.ra Marie Gourvelen all'indirizzo e-mail: mariegouv@hotmail.com o Whatsapp: +22 967 380 578 per un prestito fino a 1.000.000 euro, al 3%, contatta la sua e-mail per maggiori informazioni: mariegouv@hotmail.com o Whatsapp: +22 967 380 578 e sarai aiutato come me.
    grazie

































































































    Offerta di prestito serio e onesto della Sig.ra Marie Gourvelen all'indirizzo e-mail: mariegouv@hotmail.com o Whatsapp: +22 967 380 578 per un prestito fino a 1.000.000 euro, al 3%, contatta la sua e-mail per maggiori informazioni: mariegouv@hotmail.com o Whatsapp: +22 967 380 578 e sarai aiutato come me.
    grazie

    RispondiElimina
  2. Salve a tutti,
    Hai bisogno di un prestito per i bisogni della tua famiglia, aumenta la tua attività o il tuo business da 3.000 a 500.000 € o il 2% a un tasso di interesse del 2%. Email di contatto: tortoragiuseppe54@gmail.com o +33756857346 su WhatsApp per ulteriori informazioni

    RispondiElimina